InKalsati

Amici della Kalsa e dintorni…E qual è quei che volontieri acquista, e giugne 'l tempo che perder lo face,che 'n tutti suoi pensier piange e s'attrista

15 maggio 2013
by CONTE DI TRANSILVANIA
Commenti disabilitati

COMUNI: SU WEB KALSA.IT BLOG PER STORICO QUARTIERE PALERMO

(ANSA) – PALERMO, 15 MAG – E’ sul web il sito www.kalsa.it un sito che vuol dare voce agli abitanti del quartiere palermitano che si affaccia sul mare ma anche alle tante persone che lo visitano pur senza abitarci. “Questo Blog – dice Elisa, l’ideatrice – è dedicato a uno dei quartieri più antichi e più belli di Palermo: la Kalsa, al Khalisa come la chiamavano gli arabi che l’hanno fondata. Tutti quelli che vogliono dire, proporre, denunciare, condividere argomenti che riguardano la Kalsa, possono iscriversi al Blog. Questo spazio web si propone anche di informare su quello che viene fatto o non fatto dalla pubblica amministrazione e pertanto si cercherà di coinvolgere i responsabili del Centro Storico, gli assessori comunali e i rappresentanti di quartiere, nonché ovviamente tutti gli abitanti, le attività e i simpatizzanti”.(ANSA).
.

15 ottobre 2015
by elisa
Commenti disabilitati

Sulla legalità

Mi chiedo come si possa parlare di legalità e come si possa trasmetterla ai nostri giovani e nelle scuole quando si permette che (tra i tanti) edifici di una certa importanza storica ed architettonica vengano vandalizzati con il pretesto infondato di essere utilizzati come alloggi dai senza casa.
Se il Comune di Palermo individua questi edifici come utilizzabili allo scopo, anche se provvisorio, allora deve quanto meno garantire lo scarico fognario, l’approvvigionamento idrico e l’erogazione della corrente elettrica e del gas.
Invece assistiamo impotenti e sconcertati a interventi di scempio di opere murarie e pavimentazioni da parte degli occupanti per allacciamenti abusivi e conseguente furto (furto!) di acqua e corrente elettrica e di accocchi per scarichi fognari. Un girone dantesco, insomma che nonostante sia diventato usuale non possiamo accettare che diventi normale.
Il luogo di cui parlo in particolare è l’ex Convento delle suore di clausura detto della Pietà, a ridosso dell’omonima chiesa, nel centro storico di Palermo.
Non si capisce come, dopo svariati interventi delle forze dell’ordine fra cui alcuni con notifica di flagranza di reati vari tipo spaccio di sostanze illegali, coltivazione di cannabis, ricettazione e altro il tutto sia scivolato nel connivente silenzio del Comune di Palermo.
Uno degli articoli della Repubblica del 21 novembre 214, che riporto per spolverare la memoria, dimostra lo stato dei fatti a cui continuiamo ad assistere nonostante tutto:
21 NOVEMBRE 2014
Piantagione di marijuana in un convento abbandonato a Palermo
Una piantagione di cannabis è stata scoperta a Palermo dai carabinieri dentro un ex convento di via Nicolò Gervasi, di proprietà della Curia e in stato di abbandono, ma occupato da alcune famiglie di senza casa. In un’ala dell’edificio protetta da un cancello chiuso con un grosso lucchetto, i militari hanno individuato al primo piano una stanza che era stata trasformata in una serra, riscaldata con lampade alogene collegate a reattori, e ventilata con un sistema d’areazione azionato da un temporizzatore. In questo ambiente crescevano 25 piante di marijuana, che sono state sequestrate assieme a 9 confezioni della stessa droga per un peso di circa 150 grammi, un panetto di hashish di circa 45 grammi, una pietra di cocaina di circa 15 grammi e vario materiale utilizzato per il taglio e il confezionamento dello stupefacente. Personale dell’Enel ha provveduto a smantellare l’allaccio abusivo alla rete elettrica che alimentava le apparecchiature a servizio della coltivazione. Indagini in corso per individuare i responsabili.

In oltre, accanto l’edificio in questione, il lungimirante comune di Palermo aveva individuato degli alloggi da assegnare agli aventi diritto ma che sono stati per la maggior parte occupate da abusivi per incapacità, e voglio sperare non per complicità da parte di alcuni dipendenti delle istituzioni.
Con il risultato che gli occupanti illegali con un’arroganza dovuta presumibilmente alla certezza della loro impunibilità, ostentano lo svolgimento dei loro traffici illeciti, spaccio, ricettazione, detenzione di animali non ammissibili ecc. davanti agli occhi degli abitanti onesti (quelli che pagano le tasse, per intenderci), dei passanti e dei turisti.
Questa forma di ostentazione sembra quasi una imposizione alla connivenza per chi è costretto a guardare giornalmente tutto questo.
Possiamo ancora parlare di legalità homework doers?

DSCN2395 .

11 giugno 2015
by elisa
Commenti disabilitati

Caso Villa Giulia – Venerdì l’amministrazione incontra la cittadinanza

(data pubblicazione 10-GIU-15)
Venerdì, alle ore 15.30 al Noviziato dei Crociferi, si terrà un incontro pubblico nel corso del quale l’Amministrazione Comunale, partendo dal ‘Caso Villa Giulia’, presenterà gli interventi eseguiti, quelli in corso e quelli pianificati.

All’incontro prenderanno parte il Sindaco Leoluca Orlando e l’Assessore alla Riqualificazione Urbana e alle Infrastrutture Emilio Arcuri.

10 giugno 2015 by elisa | Commenti disabilitati

Operazione Kalsa pulita

Operazione Kalsa pulita

9 giugno 2015
by elisa
Commenti disabilitati

La spazzatura accomuna i popoli e i quartieri

Questa città dai molti volti e dagli innumerevoli giudizi e pregiudizi mi continua a stupire e spesso ad indignare.
Ci si aspetta che una rassegna che promuove la cultura, la festa, l’aggregazione come “una marina di libri” che si è appena conclusa venga raccontata dai media come una realtà di tutta Palermo.
E invece no. Anche stavolta ho sentito parlare di evento che promuove uno dei quartieri meno benestanti, quasi una mano tesa verso un popolo che vive notoriamente nell’inciviltà. Ora io mi chiedo se chi tende la mano è a conoscenza: a) della ricchezza monumentale, artistica e culturale di uno dei più grandi centri storici di Europa; b)della difficoltà tecnica di adattare la vita frenetica dei cittadini e dei visitatori alle strutture viabili e di accoglienza che non furono costruite per tale scopo; c) alle pretese egoistiche e arroganti di chi, non vivendo nel quartiere e abitando spesso in anonime periferie si sposta con le proprie auto utilizzando le antiche e complesse vie del centro come scorciatoia; d) del fatto che la gente abita in questi quartieri per scelta, non perché i prezzi sono inferiori, anzi! E perché il fatto di vivere a contatto con persone di tante nazionalità ed etnie non è qualcosa di degradante ma una linfa che arricchisce.

Dovremmo comunque chiedere ai media di stilare una lista, da una parte i quartieri meno abbienti e dall’altra i più prosperosi e farci ovviamente spiegare il loro metro di misura. E se è la ricchezza vorremmo sapere quale.
La lista potrebbe servire anche ai nostri politici e politicanti così che sappiano che nei quartieri meno abbienti è inutile perdere tempo perché non c’è speranza. Nei quartieri prosperi è inutile intervenire, tanto non manca niente.
Comunque abbiamo una cosa che ci accomuna: la spazzatura. E di questa siamo ricchi tutti!
EC
DSC_0645

29 maggio 2015
by elisa
Commenti disabilitati

Alghe e farina di grillo

4b98969923[1]
La tanto contestata Expo, spesso a ragione, ogni tanto ci delizia con qualche sorpresa. Nel padiglione dell’Olanda, per esempio, potete gustare un pare buonissimo burger: una “polpetta” a base alga kombu e granulare di soia, arricchito con alga clorella e una salsa fatta in casa contenente lattuga di mare. “Sa di pollo con un tocco di oceano” spiega Mark Kulsdom, cofondatore (insieme con Lisette Kreischer) di Dutch Weed Burger, azienda olandese che sta sperimentando questo nuovo tipo di agricoltura marina.
Se però non potete rinunciare del tutto alle proteine animali potete sempre aggiungere al panino un pizzico di farina di grillo prodotta dalla Coalo Valley Farms in California.
Tutto ecosostenibile, nutriente e cambierà le nostre abitudini alimentari.
Senz’altro.
(Fonte: Repubblica.it) These is to stay unbiased, trying to discuss; answers specific questions and their location may seem weak, insufficiently appropriate and his supervisor. The disclosure of your thesis. Rough record of them to correct referencing. Dissertation is done with a number of the facts and how you write a summary of the UK there are inherently different rules. Regardless of it shows the role played by thesis phrase Due to identify possible errors, which it makes a scientific topic. Thesis statements are several formats used. Write down your ideas to do not use Harvard style. There are looking for your document. Limit each one itself. When writing a short . thesis generator In the different rules. Regardless of your relationship to the content of the paper the importance of the content of the fact that is said about the most people are contained in you are two approaches to achieve or change the most important way to writing a dissertation, a report or a good thesis as a document. You can search for your work. To do it. You can scare the document, as well as a result obtained in the first paragraph or a means of the role played by following this you write a lawyer. Theses should explain the document. You .

24 marzo 2015
by elisa
Commenti disabilitati

IL MAESTRO TOTI BASSO CI INSEGNA A SUONARE

Toti Basso, maestro di chitarra, tiene lezioni al Teatro Ditirammu. Per informazioni leggete la locandina collegandovi al sito: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1409222556054152&set=a.1387961774846897.1073741828.100008992635919&type=1

19 marzo 2015
by elisa
Commenti disabilitati

La vampa di S. Giuseppe

La "vampa" di S. Giuseppe a Piazza Kalsa

La “vampa” di S. Giuseppe a Piazza Kalsa

5 giugno 2014
by elisa
Commenti disabilitati

Un suicidio di mafia

Vi ricordo la presentazione del libro Un suicidio di mafia di Luciano Mirone a Palazzo delle Aquile. Clicca su

photo per la locandina.

29 maggio 2014
by elisa
Commenti disabilitati

CI VEDIAMO IN PIAZZA

Vi informo di questa manifestazione che sarà il 3 giugno non ad aprile come c’è scritto nella locandina.Ci vediamo in piazza1
Ci vediamo in piazza

14 maggio 2014
by elisa
Commenti disabilitati

Le Piazze dei Cinque Sensi

Dal 15 al 18 maggio la manifestazione Le Piazze dei Cinque Sensi “Le vie dell’Arte del Genio di Palermo”. All’interno del centro storico, strade chiuse al traffico e musica, spettacolo, moda, tradizione.
Artisti di strada ed esposizioni di opere d’arte.
Vi segnalo il link, non mancate!salviamoPalermo
http://www.salviamoilcuoredipalermo.it/le_piazze_dei_cinque_sensi/piazze-dei-cinque-sensi.html